occhio-color-merda: Bellissimo blog!😊

Grazie stella. Sei speciale 😊

Quante volte al giorno ho provato delle fitte allo stomaco pensando a quanto mi facevi innamorare, senza regole, senza limitarmi, senza pensare a quanto male mi avrebbe fatto se tutto fosse finito, ti ho tenuto stretto senza capire bene come funzionava l’amore, che effetto faceva su di me, correvo il rischio di stare peggio, ma non mi importava.
Non mi importava che cosa sarebbe successo dopo, a quanto e come ti avrei odiato dopo tutto quell’amore inatteso.
Dopo tutto questo come si spiega cos’è stato quell’amore, come si spiegano i sentimenti che provi dopo un bacio o un amore finito?
Come puoi spiegare la sensazione dentro lo stomaco, quella che ti fa stringere il cuore e tremare le ossa con delle semplici parole, ché l’amore è tutt’altro che semplice.
Ma fammi provare, fammi parlare, tienimi le mani e siediti con me.
Come, soprattutto, posso farti capire quanto tu eri la mia corazza, quando noi eravamo noi e mi si stringeva il cuore e mi tremavano le ossa e poi, poi non capivo più niente.
« Ti posso rivedere? » Ha chiesto.
C’era un tenero nervosismo nella sua voce.
Ho sorriso. «Certo.»
«Domani?» ha chiesto.
«Come corri» ho detto. «Non vorrai sembrare troppo impaziente.»
«È ben per quello che ho detto domani» ha detto. «Io vorrei rivederti stanotte. Ma sono disposto ad aspettare tutta la notte e molta parte di domani.»
― John Green
Non voglio augurarti troppo male, non ne sono capace.
Ti auguro un solo rimpianto, me.

Ti auguro di prendere la mia maglia e sputarci sopra lacrime e sangue a furia di pronunciare il mio nome.
Ti auguro di rileggere quei commenti che tanto conservi e colpevolizzarti, ancora.
Una forte agonia,
e ancora rimpianti e rimorsi
quasi fino alla fine.
Perché quasi?
Perché ti auguro anche un solo momento di felicità,
di trovare una persona ed innamorarti follemente,
ma di una che mi somigli
anche in un piccolo atteggiamento;
Cosicché da guardarla e ricordare me,
rovinerai tutto,
continuerà la tua angoscia
giorno e notte
ti tormenterò e non potrai avermi.
E quella, sarà la tua condanna.
Te lo auguro e continuerò a farlo con tutta me stessa, fidati.
Non avete ancora capito che le ragazze si innamorano se le fate ridere, non se avete i muscoli.
Le persone silenziose parlano continuamente, ma nessuno le ascolta.
Quante parole ti hanno detto?
In quanti monologhi dolci ti sei immerso?
Quanti persone hai abbracciato?
Quante ragazze hai fatto sorridere?
Quante ne hai amate?
Quante ne hai perse?
Quanto hai vinto?
Ti hanno mai paragonato all’orizzonte del mare?
Quella sottile linea che separa due cose così grandi, così immense, così belle.
E’ un pò come un infinito.
Tu per me sei così.
Sei l’orizzonte della vita che vorrei.
Ti hanno mai pensato fino a perdere fiato?
Hanno mai sperato nella notte solo per accarezzarti nei sogni?
Per averti almeno lì.
Per stringerti almeno lì.
Ti ho sognato ed è stato così reale, accarezzarti la pelle, morire tra le tue braccia, uccidermi l’anima.
Era tutto così bello.
E non mi è mai importato che fosse un sogno.
Appena sveglia ero sazia.
Ero malinconica ma sazia, piena di te.
Ti hanno mai scritto un infinità di lettere senza dartele mai?
Tutte finivano nello stesso modo :
” Voglio averti qua.”
Una citazione diceva :
”Rinuncerei a tutti i miei domani per un solo ieri.”
Io rinuncerei a tutti i miei ieri per un solo domani.
Un domani con te.
Rinuncerei ad ogni persona, ad ogni attimo, anche a me stessa.
Ti hanno mai dedicato ogni cosa?
Ogni canzone, ogni frase?
Ti hanno mai cercato negli occhi di chiunque?
Ti hanno mai paragonato alle sfumature dei propri occhi quando sorridono?
Del tipo : ” Sono felice. Mi sento bella. E anche se non ci sei, è grazie a te.”
Io sono felice anche se non ci sei.
Io ti amo anche se non ci sei.
Si , perchè forse è da coglione, ma io ti amo.